Albo‎ > ‎

Informativa sui compiti dei referenti covid Rif. ISS COVID-19 n. 58/2020, del 21 agosto 2020.

pubblicato 8 set 2020, 08:39 da Admin   [ aggiornato in data 8 set 2020, 08:40 ]
  • I compiti di referenti covid nelle scuole sono illustrati dal Rapporto ISS COVID-19 n. 58/2020, del 21 agosto 2020. I docenti lo possono trovare al link del Ministero dell’Istruzione, “Rientriamo a scuola” che trovano anche sul nostro sito nella sezione indicazioni sanitarie e che abbiamo già inviato al personale.

    Qui di seguito una sintesi. Rinvio alla lettura del rapporto ISS n 58 inviato

· Nella sostanza il referente scolastico covid promuove, in accordo con il dirigente scolastico, con i docenti collaboratori e vicari, azioni di informazione e sensibilizzazione rivolte al personale scolastico e alle famiglie sull'importanza di individuare precocemente eventuali segni/sintomi e comunicarli tempestivamente

· riceve comunicazioni e segnalazioni da parte delle famiglie degli alunni e del personale scolastico nel caso in cui, rispettivamente, un alunno o un componente del personale risultassero contatti stretti di un caso confermato Covid-19, e trasmetterle al Dipartimento di prevenzione presso la ASL territorialmente competente

· concerta, in accordo con il dipartimento di prevenzione, i pediatri di libera scelta e i medici di base, la possibilità di una sorveglianza attiva degli alunni con fragilità (malattie croniche pregresse, disabilità che non consentano l’utilizzo di mascherine, etc.), nel rispetto della privacy, ma con lo scopo di garantire una maggiore prevenzione attraverso la precoce identificazione dei casi di Covid-19

· All’Interno dei dipartimenti di prevenzione sono nominati a sua voltadue referenti per l’ambito scolastico che si rapportano con i referenti covid della scuola

· Nella scuola deve essere identificato un sostituto per evitare interruzioni delle procedure in caso di assenza del referente. Il referente scolastico per COVID-19 dovrebbe essere possibilmente identificato a livello di singola sede di struttura piuttosto che di istituti comprensivi e i circoli didattici, per una migliore interazione con la struttura stessa.

Il referente del Dipartimento di prevenzione e il suo sostituto devono a loro volta essere in grado di interfacciarsi con tutti i referenti scolastici covid identificati, i quali ricevono adeguata formazione sugli aspetti principali di trasmissione del nuovo coronavirus, sui protocolli di prevenzione e controllo in ambito scolastico e sulle procedure di gestione dei casi COVID-19 sospetti/ o confermati.

· Sarà necessaria una chiara identificazione, messa a punto e test di funzionamento anche del canale di comunicazione reciproca tra “scuola”, medici curanti (Pediatri di libera scelta e Medico di medicina generale) e DdP (attraverso i rispettivi referenti) che andrà adattato in base alla tecnologia utilizzata (es. messaggistica breve, e-mail, telefono etc.).

· OGNI operatore che viene a conoscenza di un alunno sintomatico deve avvisare il referente scolastico per COVID-19.

· Il referente scolastico per COVID-19 o altro componente del personale scolastico deve telefonare immediatamente ai genitori/tutore legale isolando il caso sospetto

· Il referente scolastico COVID-19 si interfaccia con il Dipartimento di prevenzione fornisce l’elenco dei compagni di classe, nonché degli insegnanti del caso confermato che sono stati a contatto nelle 48 ore precedenti l’insorgenza dei sintomi

· Il referente scolastico per il COVID-19 deve comunicare al DdP se si verifica un numero elevato di assenze improvvise di studenti in una classe (es. 40%; il valore deve tenere conto anche della situazione delle altre classi) o di insegnanti.

· Collabora con il DdP In presenza di casi confermati COVID-19, spetta poi al DdP della ASL competente territorialmente di occuparsi dell’indagine epidemiologica volta ad espletare le attività di contact tracing (ricerca e gestione dei contatti).

Per gli alunni ed il personale scolastico individuati come contatti stretti del caso confermato COVID-19 è il dipartimento di prevenzione che provvederà alla prescrizione della quarantena per i 14 giorni successivi all’ultima esposizione.

Per agevolare le attività di tracciamento, il referente scolastico per COVID-19

§ fornisce l’elenco degli studenti della classe in cui si è verificato il caso confermato;

§ fornisce l’elenco degli insegnati/educatori che hanno svolto l’attività di insegnamento all’interno della classe in cui si è verificato il caso confermato;

§ fornisce elementi per la ricostruzione dei contatti stretti avvenuti nelle 48 ore prima della comparsa dei sintomi e quelli avvenuti nei 14 giorni successivi alla comparsa dei sintomi.

Per i casi asintomatici, considerare le 48 ore precedenti la raccolta del campione che ha portato alla diagnosi e i 14 giorni successivi alla diagnosi;

§ indica eventuali alunni/operatori scolastici con fragilità;

§ fornisce eventuali elenchi di operatori scolastici e/o alunni assenti.

Sia i referenti covid delle scuole che gli operatori sanitari dei Dipartimenti di prevenzione sono I destinatari della formazione FAD. Il corso FAD asincrono sarà accessibile e fruibile alla coorte di utenti (previsti tra i 50.000 e 100.000 utenti) nel periodo 28 agosto /31 dicembre 2020 come descrive il rapporto ISS.


IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Stefano Pagni Fedi

Ċ
Admin,
8 set 2020, 08:40