Albo‎ > ‎

Nota 8464 del 28 maggio 2020 – chiarimenti su O.M. 9,10,11 Trasmissione

pubblicato 30 mag 2020, 13:53 da Admin   [ aggiornato in data 30 mag 2020, 13:53 ]
  • Si riportano in sintesi i punti della nota allegata cui si rinvia per la completa visione

    Presentazione dell’elaborato

Deve avvenire alla presenza dell’intero consiglio di classe, presieduto dal coordinatore di classe; OM 9/2020 Esami di Stato nel primo ciclo di istruzione. Mancata presentazione dell’elaborato

In caso di mancata trasmissione al consiglio di classe dell’elaborato da parte dei candidati interni, si terrà conto di tale mancata trasmissione secondo quanto stabilito nei criteri per la valutazione finale, deliberati dai collegi dei docenti. Per i candidati interni tale mancanza non comporta, di per sé e in automatico, il non superamento dell’esame.

Per i candidati privatisti la trasmissione dell’elaborato e la sua presentazione sono invece obbligatori e la mancanza anche di uno solo dei due elementi determina il mancato conseguimento del diploma, visto che l’elaborato e la sua presentazione rappresentano i soli elementi di valutazione

    La presentazione

L’ordinanza non preclude ai docenti la possibilità di porre al candidato domande di approfondimento sull’elaborato stesso, mentre è esclusa la possibilità di procedere a qualsiasi forma di interrogazione sulla programmazione delle singole discipline.

    La griglia di valutazione

La griglia di valutazione di cui all’articolo 6 deve essere opportunamente differenziata, in relazione alle diverse disposizioni contenute nell’ordinanza, per i candidati interni e per i candidati privatisti (oltre che per alunni con disabilità e con DSA certificati, per i quali la griglia di valutazione dovrà essere coerente rispettivamente con il piano educativo individualizzato e con il piano didattico personalizzato).

    Verbalizzazione

Le operazioni relative alla presentazione degli elaborati sono opportunamente verbalizzate.

Alunni ammessi alle classi successive con voti inferiori ai sei decimi

Nei casi contemplati all’articolo 3, comma 4 e all’articolo 4, comma 4 (alunni ammessi alla classe successiva in presenza di voti inferiori a sei decimi in una o più discipline), anche i voti inferiori a sei decimi sono riportati, oltre che nei documenti di valutazione finale, nei prospetti generali da pubblicare sull’albo on line dell’istituzione scolastica.


IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Stefano Pagni Fedi